PRIMO PIANO

Voluntary disclosure approvata in via definitiva

5 Dicembre 2014 in Notizie Fiscali
Il secondo tentativo di approvazione della normativa sulla voluntary disclosure (collaborazione volontaria sull’emersione dei capitali esteri), dopo otto mesi dalla cancellazione della norma del D.L. n. 4/2014, finalmente è riuscito. Il provvedimento sul rientro dei capitali e l’emersione del nero è diventato legge. Il rientro dei capitali, come precisato ieri anche dal ministro Padoan, non è un nuovo scudo fiscale, né un condono, in quanto il candidato all’emersione deve presentarsi con nome, cognome e con tutta la documentazione relativa agli investimenti esteri (e interni). In caso di dichiarazioni false, scatta un nuovo reato specifico, con una pena da 18 mesi a sei anni, più la revoca di tutti i benefici fiscali. Inoltre, a differenza dello scudo, le tasse dovranno essere pagate interamente (43% di Irpef più 2% di tasse locali), se non cadute in prescrizione (5 anni indietro per i Paesi white list, 10 per i paradisi fiscali). Si pagheranno anche gli interessi di legge e le sanzioni, ma queste ultime saranno ridotte al minimo (generalmente il 3% sul capitale).
 

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732