FISCO » Tributi Locali e Minori » Tosap - Cosap - Tarsu - Tasse varie

Tares, ai Comuni la scelta delle scadenze e delle rate

8 Aprile 2013 in Notizie Fiscali
Il Decreto legge sullo sblocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione alle imprese accoglie anche un capitolo sulla Tares, la nuova imposta sui rifiuti e sui servizi che dovrebbe sostituire del tutto le vecchie Tia e Tarsu. Il decreto prevede che siano i Comuni a stabilire "con propria deliberazione" la scadenza ed il numero delle rate del tributo, con la possibilità di utilizzare i modelli di pagamento già impiegati lo scorso anno per la Tarsu o la Tia. I Comuni devono pubblicare le scadenze almeno 30 giorni prima rispetto all’obbligo del pagamento. Nei Comuni più rapidi a deliberare il calendario dei versamenti 2013 della Tares, la prima rata della Tares dovrebbe cadere intorno al 20-30 maggio 2013, mentre la seconda rata potrebbe scadere a settembre (se il Comune decide di dividere in tre rate). Le prime rate saranno scomputate dall’ultima, che andrà pagata a conguaglio a dicembre "a titolo di Tares" e, quindi, con la copertura integrale dei costi e l’applicazione del "metodo normalizzato" di calcolo del conto per le diverse tipologie di utenti. Domani, martedì 9 aprile, sono tuttavia previste le mozioni di Pd e Pdl alla Tares, che chiedono il rinvio del tributo al 2014.
 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732