FISCO » Tributi Locali e Minori » IUC (Imu - Tasi - Tari)

Pensionati all’estero: le agevolazioni Imu Tasi Tari

29 Giugno 2015 in Notizie Fiscali
Con la risoluzione 6/DF il dipartimento delle Finanze fornisce un'interpretazione sull'agevolazione Imu-Tasi-Tari per i pensionati esteri. Si ricorda che dal 2015 l'unità immobiliare (non locata) posseduta da cittadini italiani iscritti all'AIRE, non residenti in Italia, già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, non paga l'Imu, inoltre la Tasi e la Tari sono ridotte di due terzi (commi 1 e 2 dell'art. 13 del D.l. 201/2011). Nella risoluzione 6/DF il Mef precisa che l'agevolazione si estende alle pensioni in convenzione internazionale, nelle quali la contribuzione versata in Italia si totalizza con quella versata in un Paese estero, a condizione che la parte estera sia relativa al Paese in cui il contribuente ha la residenza. Tale beneficio non si applica, invece, al pensionato che risiede in un Paese estero diverso da quello che eroga la sua pensione, sempre autonoma o in regime di totalizzazione internazionale (ad es. un contribuente che percepisce una pensione italo-svizzera e risiede in Francia). Il Mef precisa anche che la norma si riferisce genericamente al trattamento pensionistico, pertanto si può ricomprendere in tale trattamento, fermo restando quanto appena illustrato, qualunque tipo di pensione e, quindi, ad esempio anche quella di invalidità. Per quanto riguarda l'iscrizione all'AIRE, il Mef chiarisce che ai fini dell'agevolazione non è necessario che l'immobile sia ubicato nello stesso Comune di iscrizione all'AIRE.
 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732