PRIMO PIANO

Mobilità: non decade con il lavoro intermittente

9 Luglio 2015 in Notizie Fiscali
Il contratto di lavoro intermittente anche a tempo indeterminato non comporta la cancellazione dalla liste di mobilità. Questo iin sintesi viene affermato dalla Direzione Generale per l’Attività Ispettiva del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CHE con interpello n. 15 del 3 luglio 2015, ha risposto ad un quesito del Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro. 
Il Ministero muovendo dall’art. 8, commi 6 e 7, della L. 223/1991, ai sensi dei quali il lavoratore in mobilità ha la facoltà di svolgere attività di lavoro subordinato a tempo parziale, ovvero a tempo determinato,  afferma che   il contratto di lavoro intermittente a tempo indeterminato  ha caratteri di atipicità  che non lo rendono riconducibile alla tipologia del contratto a tempo pieno ed indeterminato e  non comporta quindi, ai sensi dell’art. 9, comma 6 lett. a), della L. 223/1991, la cancellazione dalla lista mobilità.  Il Ministero rammenta inoltre che  la durata della prestazione nel lavoro intermittente – ad eccezione dei settori del turismo, dei pubblici esercizi e dello spettacolo – è soggetta alla limitazione di legge delle quattrocento giornate di effettivo lavoro nell’arco di tre anni solari e solo “in caso di superamento del predetto periodo il relativo rapporto si trasforma in un rapporto di lavoro a tempo pieno ed indeterminato” (art. 34, comma 2 bis, del D. Lgs. 276/2003).
 

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732