LAVORO » Lavoro » Riforma del Lavoro

Lavoro all’estero stop all’autorizzazione ministeriale

12 Ottobre 2015 in Notizie Fiscali

Il Ministero del lavoro e delle Politiche sociali, con nota 30 settembre 2015, n. 20578 ha precisato che, in attuazione della delega contenuta nella Legge n. 183/2014,  è stato pubblicato in G.U. n. 221 del 23-9-2015  il Decreto Legislativo 14 settembre 2015 n. 151 recante disposizioni in tema di semplificazione. Di particolare rilievo per la semplificazione amministrativa e per la riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese, è l'abolizione prevista dall'articolo 18 delle autorizzazioni al lavoro all’estero previste dal combinato della Legge 398/87 e del DPR 346/94 (come modificato da DPR 247/97). Dall'entrata in vigore del  decreto legislativo, in virtù delle disposizioni di semplificazione, l'impiego all'estero del personale da parte delle aziende sarà disposto senza il vincolo della preventiva autorizzazione ministeriale. Ciò in quanto ad avvenuta abrogazione della normativa in questione consegue l'estinzione del potere autorizzativo in capo all’amministrazione. Pertanto, l’esercizio dei poteri datoriali verrà liberalizzato con riferimento anche alle istanze presentate prima dell'entrata in vigore del decreto legislativo sopra citato ed ancora in corso di istruttoria.

 

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732