FISCO » Accertamento e riscossione » Accertamento e controlli

Credito d’imposta ricerca e sviluppo in UNICO 2012

19 Aprile 2013 in Notizie Fiscali
L’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 26/E del 18 aprile 2013, ha fornito chiarimenti in merito all’utilizzo del credito d’imposta per attività di ricerca e sviluppo (art. 1, commi 280-283, della Legge n. 296/2006), fornendo istruzioni operative per la compilazione della dichiarazione dei redditi nel caso di soggetti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare e per attività avviate prima del 29.11.2008. In particolare, viene precisato che i soggetti con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare, che hanno maturato tale credito fiscale e che hanno inviato correttamente il formulario (modello Frs) al Centro operativo di Pescara, ma non hanno ricevuto da parte dell’Agenzia delle Entrate il nulla-osta alla fruizione del credito maturato per esaurimento delle risorse disponibili, possono utilizzare il beneficio in compensazione nel modello F24, nel limite del 47,53% dell’ammontare del credito tributario corrispondente agli investimenti effettivamente realizzati nei periodi di imposta per i quali era stato presentato il formulario. La somma così determinata dovrà essere indicata nel modello Unico 2012.
 

Lascia un commento

Devi sessere loggato per lasciare un commento.

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732