FISCO » IVA » Adempimenti Iva

Biblioteche: il trattamento IVA dei servizi offerti nel caso di appalto a terzi

10 Novembre 2021 in Notizie Fiscali

Con Risposta a interpello n 763 dell'8 novembre le Entrate si occupano del trattamento applicabile all'affidamento di una serie di prestazioni di servizi effettuate nell'ambito di una Biblioteca. (Articolo 10, comma 1,numero 22), del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633)

In particolare le Entrate rispondono che al corrispettivo unico e indistinto previsto dal contratto di appalto per l'affidamento del complesso delle prestazioni di servizio offerti dalla Biblioteca ma non rientranti tra le attività proprie della Biblioteca non possa essere applicata la norma di esenzione dall'IVA, di cui all'articolo 10, comma 1, numero 22), del d.P.R. n. 633 del 1972. 

L'istante è un Complesso Monumentale che vorrebbe partecipare all'affidamento da parte del Ministero di un'attività di carattere professionale, della durata di un anno, nell'ambito dei servizi bibliografici, informativi, di documentazione, di conservazione e di promozione culturale della Biblioteca, ubicata presso lo stesso Complesso.

L'istante, fa presente che il personale prescelto dovrà occuparsi dell'iter delle nuove acquisizioni e della gestione delle risorse informative e documentarie della Biblioteca con procedure di inventariazione, collocazione e catalogazione dei fondi della Biblioteca. 

Inoltre, lo stesso personale sarà tenuto: 

  • a dare un supporto agli utenti nelle attività di ricerca , occupandosi, in particolare, delle attività di reference in sala di consultazione e delle richieste bibliografiche da remoto; 
  • a prendere parte alla programmazione, organizzazione e promozione degli eventi e dei percorsi espositivi, interfacciandosi con i soggetti esterni e coordinandosi con i diversi uffici del Complesso; – a partecipare all'attività di coordinamento dello staff della biblioteca per garantire la buona organizzazione e gestione dei servizi al pubblico e il rispetto degli standard di riferimento; 
  • a collaborare allo svolgimento degli adempimenti inerenti alla gestione bibliotecaria e documentaria nonché alle analisi statistiche e qualitative della Biblioteca. 

Ciò premesso, l'istante intende conoscere il trattamento fiscale, agli effetti dell'IVA, applicabile all'importo da porre a base d'asta per l'affidamento della predetta attività professionale

Le Entrate ricordano che l'articolo 10, comma 1, numero 22), del d.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, prevede l'esenzione dall'IVA per "le prestazioni proprie delle biblioteche, discoteche e simili e quelli inerenti alla visita di musei, gallerie, pinacoteche, monumenti, ville, palazzi, parchi, giardini botanici e zoologici e simili".

Detta disposizione risulta conforme all'articolo 132 della Direttiva del Consiglio Europeo n. 2006/112/CE del 28 novembre 2006, il quale dispone che gli Stati membri possono esentare dall'IVA, tra le altre prestazioni, quelle inerenti a "talune prestazioni culturali". 

La citata disposizione di cui all'articolo 10, comma 1, numero 22) ha una valenza oggettiva, nel senso che l'esenzione dall'IVA delle prestazioni a cui la stessa fa riferimento è prevista a prescindere dal soggetto che fornisce le prestazioni medesime.

In relazione alla fattispecie prospettata dall'istante, considerata la predetta natura oggettiva della norma di esenzione, al fine dell'applicazione della stessa è necessario stabilire se le prestazioni rese dai soggetti affidatari, che saranno individuati in base alla procedura di selezione messa in atto dalla Biblioteca, possano o meno essere riconducibili tra le "prestazioni proprie delle biblioteche". 

Il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 41 – recante il Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio – all'articolo 101, comma 2, lettera b), stabilisce che per biblioteca si intende "una struttura permanente che raccoglie e conserva un insieme organizzato di libri, materiali e informazioni, comunque editi o pubblicati su qualunque supporto, e ne assicura la consultazione al fine di promuovere la lettura e lo studio"

Quindi, considerata questa disposizione, per prestazioni proprie e, quindi, tipiche che connotano una struttura quale la biblioteca, si intendono: la raccolta, la catalogazione, la conservazione, l'archiviazione e la consultazione, anche su supporti informatici, di libri o di altro materiale utile per finalità di studio e ricerca (cfr. risoluzioni:. n.135/E del 2006; n. 131/E del 2007; n. 148/E del 2008). 

Pertanto, rientrano nella disposizione di esenzione di cui al citato articolo 10, comma 1, numero 22), unicamente dette prestazioni con esclusione di altre non espressamente indicate (cfr. risoluzioni n. 135/E del 2006 e 131/E del 2007)

Inoltre, come innanzi accennato, al fine dell'applicazione della suddetta disposizione di esenzione dall'IVA, è necessario che le prestazioni proprie caratterizzanti una struttura quale la biblioteca (o una struttura simile) siano rese dall'affidatario nella sua globalità, quindi le stesse devono essere considerate nel loro complesso, in quanto funzionali all'erogazione di servizi aventi natura culturale e sociale cui è destinata strutturalmente la medesima biblioteca (cfr. risoluzione n. 148/E del 2008). 

In caso contrario, l'affidamento a terzi di prestazioni di servizi non rientranti tra quelle proprie della biblioteca, nel significato sopra descritto, sarebbero da assoggettare ad IVA nella misura loro propria (cfr. risoluzioni n. 131/E del 2007 e n. 148/E del 2008). Nella fattispecie prospettata, è delineato un insieme di servizi bibliotecari, che dovrebbero essere affidati, attraverso un apposito contratto di appalto, a terzi da svolgersi nella Biblioteca, ubicata presso il Complesso istante. 

Il complesso delle attività descritte dall'istante include sia attività che potrebbero essere riconducibili tra quelle "proprie delle biblioteche" e sia attività e prestazioni non riconducibili nell'ambito applicativo del citato numero 22). 

Più in particolare, occorre considerare che le prestazioni proprie e tipiche delle biblioteche, sono quelle di raccolta, catalogazione, conservazione, archiviazione e consultazione di libri e altro materiale utili per fini di ricerca e studio, considerate nella loro globalità. 

Diversamente, nel contratto di appalto oggetto dell'interpello in esame si contemplano altre prestazioni quali: 

  • la partecipazione alla programmazione, organizzazione e promozione degli eventi e dei percorsi espositivi,
  • attraverso l'interfacciarsi con soggetti esterni; 
  • la collaborazione allo svolgimento degli adempimenti inerenti la gestione bibliotecaria; 
  • nonché la partecipazione alle analisi statistiche-qualitative della stessa Biblioteca che si ritiene non possano rientrare tra quelle "proprie di una biblioteca". 

Pertanto, si ritiene che al corrispettivo unico e indistinto previsto dal contratto di appalto per l'affidamento del complesso delle prestazioni di servizio non possa essere applicata la norma di esenzione dall'IVA, di cui all'articolo 10, comma 1, numero 22), del d.P.R. n. 633 del 1972. 

Allegati:

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732