FISCO » IRPEF » Redditi esteri

Modulo RW e modalità di compilazione da parte di nudi proprietari e usufruttuari

30 Dicembre 2010 in Normativa

A partire dalla dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta 2009 (Unico 2010), i contribuenti sono tenuti ad indicare nel modulo RW le attività estere di natura finanziaria e gli investimenti all’estero di altra natura, non soltanto nel caso di effettiva produzione di redditi imponibili in Italia ma anche nell’ipotesi in cui la produzione dei predetti redditi sia soltanto astratta o potenziale.

Con la presente Risoluzione vengono forniti chiarimenti in merito alle modalità e ai valori di riferimento per la compilazione del modulo RW da parte dei soggetti titolari del diritto di nuda proprietà ed usufrutto.

In particolare è stato specificato che qualora su un medesimo bene sussistano più diritti reali – quali, ad esempio, nuda proprietà e usufrutto – sono tenuti all’effettuazione del monitoraggio sia il titolare del diritto di usufrutto che il titolare della nuda proprietà dal momento che in entrambe le ipotesi sussiste la possibilità di generare redditi di fonte estera.

Con riferimento all’importo da indicare nel modulo RW, si precisa che il contribuente deve riportare il costo storico di acquisto della proprietà o degli altri diritti reali dell’attività finanziaria o dell’investimento come risultante dalla relativa documentazione probatoria, maggiorato degli eventuali oneri accessori quali, ad esempio, le spese notarili e gli oneri di intermediazione, ad esclusione degli interessi passivi. Non sussiste, invece, alcun obbligo di aggiornamento di tale valore negli anni successivi.

Allegati:

Studio Dr. Maurizio Mottola - Dottore Commercialista - Revisore Legale - Partita IVA: 02676200732